EMERGENZA CORONAVIRUS: NUOVE DISPOSIZIONI DEL SINDACO FABIO VENEZIA

EMERGENZA CORONAVIRUS: NUOVE DISPOSIZIONI DEL SINDACO FABIO VENEZIA

Il sindaco Fabio Venezia, visto il perdurare dell’emergenza dovuta alla diffusione del CORONAVIRUS e nell’invitare tutti alla massima collaborazione, chiede alla cittadinanza, a partire da oggi e fino a nuova comunicazione, di rispettare le seguenti nuove disposizioni: - I cittadini che siano rientrati a partire dal 22 febbraio dalle “Zone rosse”, sono obbligati a comunicarlo al Comando di Polizia Municipale, al medico di famiglia e al portale della Regione Siciliana (www.siciliacoronavirus.it) e ad osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo, con divieto di contatti sociali, di spostamento e di viaggi, rimanendo raggiungibili per eventuali attività di sorveglianza; - Sono sospese le celebrazioni di matrimoni e funerali: i matrimoni già fissati nei locali comunali si svolgeranno unicamente in presenza degli sposi, dei testimoni e del personale comunale, mentre le tumulazioni si svolgeranno in forma strettamente privata e senza cortei funebri a piedi. L’ingresso al civico cimitero è consentito solo ai familiari più stretti, osservando le prescrizioni della distanza minima di 1 metro; - Sono sospese le attività pubbliche in tutti gli impianti e strutture sportive comunali al chiuso, mentre in quelle all’aperto sono consentite attività sportive individuali o di gruppo, purché sia garantita la prescrizione della distanza minima di 1 metro e, in ogni caso, senza l’utilizzazione degli spogliatoi. Su disposizione del Governo regionale, sono altresì chiuse tutte le palestre ed i centri benessere; - Sono sospese le attività pubbliche delle seguenti strutture culturali comunali: Biblioteca comunale, Archivio Storico Comunale, Torre Capitania, Ufficio turistico. Tutte le attività già programmate in queste strutture, sono sospese fino al 3 aprile. Sono altresì sospese tutte le attività cinematografiche, teatrali e museali; - Nelle case di riposo per anziani e nelle strutture sanitarie, l’accesso di parenti e visitatori è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione; - Sono sospese con effetto immediato le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, discoteche e locali assimilati. La violazione del divieto comporta la sospensione dell’attività; - I bar e i locali pubblici che effettuano servizi di ristorazione, senza assembramenti nei banconi, musica live e discoteca, possono proseguire l’attività con l’obbligo, a carico dei gestori, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro. La violazione della prescrizione, comporta la sospensione dell’attività; - È sospeso il mercato settimanale del sabato e il mercato contadino della domenica fino a nuove disposizioni, - E’ sospeso fino al 15 marzo, tranne che per casi urgenti ed indifferibili, il ricevimento negli uffici comunali.

Pubblicata: 09/03/2020 - Ufficio Stampa

Data inizio: - Data scadenza: