IL COMUNE CHIEDE LO STATO DI CALAMITA' NATURALE E AVVIA UNA PRIMA CONTA DEI DANNI

IL COMUNE CHIEDE LO STATO DI CALAMITA' NATURALE E AVVIA UNA PRIMA CONTA DEI DANNI

Rientrata l’emergenza neve, con assenza di precipitazioni nevose e temperature in rialzo, che nonostante le gelate notturne rendono più agevole la circolazione urbana, ritorna alla normalità la situazione in città, con la riapertura stamane di tutte le scuole di ogni ordine e grado, i cui ingressi continueranno anche nei prossimi giorni a essere cosparsi di sale.
La giunta, con apposita delibera, ha richiesto al Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta e al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni lo stato di calamità naturale e di emergenza, a seguito delle eccezionali nevicate che si sono abbattute su tutto il territorio comunale, mettendolo in ginocchio, nei giorni compresi tra il 5 e il 18 gennaio scorso.
Immani i problemi alla viabilità, sia interna che rurale, con strade già in stato precario interamente distrutte dalla neve, dal ghiaccio, dal sale e dai mezzi impiegati per lo sgombero, alle aziende agricole rimaste isolate, che registrano la morte di 200 capi di bestiame per assideramento e mancanza di cibo, ai commercianti e all’intera economia della città che, salvo le farmacie e gli esercizi per la vendita dei beni di prima necessità, è rimasta paralizzata per oltre 10 giorni.
Nonostante siano ancora in corso gli accertamenti per quantificare l’entità e la portata dei danni registrati, stando a una prima ricognizione approssimativa oltre 200 mila euro sono stati già impiegati dal Comune per gli interventi di emergenza effettuati senza sosta dalla Protezione Civile e tuttora in corso per il soccorso ai cittadini e alle aziende agricole, per lo spargimento di sale e per lo spalamento e lo sgombero delle vie dell’abitato e non.
Bilancio destinato purtroppo a incrementarsi di giorno in giorno con le richieste di intervento che giungono dalla aree rurali, che registrano problemi anche alle coperture degli edifici, alle colture e all’intero comparto agricolo.
“Stiamo lavorando senza sosta per cercare di limitare i disagi il più possibile – spiega il sindaco Fabio Venezia – e di intervenire per prestare soccorso dove necessario. Invitiamo gli agricoltori troinesi e i proprietari delle aziende agricole e zootecniche a rivolgersi all’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura, cui presentare istanza per eventuali risarcimenti danni”.
E sempre a proposito di emergenza e di calamità, il primo cittadino in giornata incontrerà il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta per fare un quadro della situazione e esporre le problematiche e le criticità causate dalla neve nel territorio ennese e sui Nebrodi, in attesa di un rapido e proficuo intervento di sostegno.

Pubblicata: 19/01/2017 - Ufficio Stampa

Data inizio: - Data scadenza: